“Il fanciullo è innocenza e dimenticanza, un ricominciare, un gioco, una ruota che gira su se stessa, un primo moto, un santo dire di sì”
( Friedrich Nietzsche )

La mente è un parco giochi di ricordi. Chiusi gli occhi, aperto il cuore, basta lasciarsi andare per tornare bambini.
Giocare, correre, osare, immaginare. Cantare a squarciagola, senza il timore di essere sentiti, e danzare spontaneamente insieme al vento, senza pensare ai passi. Un vortice di mille colori si mescola alle emozioni, e intorno è gioia, è movimento, è libertà. Il mondo ci viene incontro, nella voglia di scoprire e di sorprendersi.

La vita è un mistero, una sfida mai conclusa, che cerca continuamente di sfuggirci di mano. Ci mette alla prova di fronte al tempo, perchè si cresce troppo in fretta… Allora bisogna fermarsi, e rinascere nell’abbandono dei desideri, lasciandosi andare solo al piacere dell’immaginazione. Per un istante bisogna salire sul carosello dell’infanzia, alla conquista dell’innocenza prima perduta e ora ritrovata.
La mente inizia un viaggio dolce, torna a sgranare gli occhi alle meraviglie del mondo e le vede per la prima volta, mentre fluttua leggera finalmente libera e lontana dalla realtà. Tutto diventa iridescente, tutto si tinge di polvere magica da indossare e con cui osare.
Il cuore torna puro mentre il sorriso si apre alla bellezza. Quella delle cose semplice, quella più vera.

Photographer
Ludovica Arcero

Photographer
Ludovica Arcero

Graphic Designer
Livia De Franco

Styling
Flavio Marcelli, Giorgia Bove

Grooming
Clara Spadoni

Model
Maryana Hordiytsyak

0 likes
next post