“Se Chanel ha dato la libertà alle donne,
Yves Saint Laurent ha dato loro il potere”

queste le parole di Pierre Bergé nei confronti del giovane Couturier francese che negli anni 60’ dimentica i rigidi modelli imposti dall’epoca e incarna il desiderio di emancipazione femminile.

Abiti trasparenti, bluse in volant, ricami, topless habillé e l’immaginazione vola.

Ma se da un lato la femme fatale avvince nel suo nude-look, dall’altro l’intimità si rivela e si scopre nei toni incantevoli e romantici, bohèmien e sognanti.

La donna indossa abiti dall’effetto leggero del vedo-non-vedo e come diceva la Signora Vreeland “Perchè no?” un velo di mistero aumenta il desiderio.

Photographer
Ludovica Arcero

Stylist
Flavio Marcelli, Giorgia Bove e Roberta Vitelli

Grooming
Clara Spadoni

Model
Eve (icon models agency)

Location
Outside Gallery

Artists
Gianmarco Spadaro, Paolo Calvino

0 likes
previous post next post